Image Alt

Maggio 2022

Dopo due anni di crisi pandemica e un ventennio di crisi e stagnazione ci troviamo sull’orlo di un triplice drammatico precipizio: la crisi internazionale, la crisi sociale, la crisi climatica.  Il rischio di un conflitto nucleare aperto dall’ignobile aggressione russa e alimentato dalla corsa occidentale agli armamenti, i salari sempre più bassi e insufficienti a sostenere un costo della vita in costante crescita, la crisi alimentare in cui stanno piombando miliardi di persone in tutto il mondo, la nuova corsa ad approvvigionamenti di risorse fossili

Il pragmatismo dei pacifisti per fermare il massacro Guerra, vittime civili, orfani, profughi, armamenti, nazionalismi, odio, macerie, recessione, inflazione, povertà e diseguaglianze, miseria. Soffia un vento terribile nel Vecchio Continente.  Vladimir Putin, da tempo idolo indiscusso delle destre europee, ha scelto la strada dell’aggressione militare. Lo ha fatto usando a pretesto le spinte a est della Nato e costruendo un impianto retorico ideologico-nazionalista in cui la violenza verbale è direttamente proporzionale a quella dell’ingiustificabile e violentissima aggressione militare allo Stato e al popolo ucraino.  Nell’istante in cui

Non tutti pagheranno la crisi allo stesso modo. Quella che sembra una frase fatta, uno slogan buono per tutte le stagioni, fotografa una situazione oggettiva, che emerge dai freddi numeri dell’economia italiana. La persistenza del conflitto tra Russia e Ucraina e il rischio concreto di un allargamento oltre i confini dell’Europa orientale solleva nuove preoccupazioni sulle ricadute dell’aumento vertiginoso dei prezzi sui redditi da lavoro. Senza voler cadere in una rappresentazione apocalittica della crisi in corso, siamo dinnanzi alla precipitazione di un quadro già segnato da

In Italia, nel 2006, viene approvato il D. l. n. 198/2006 cd. Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, contenente disposizioni che mirano a rimuovere ogni sorta di ostacolo discriminatorio dalla partecipazione degli individui ed in particolare delle donne alla vita sociale, economica, politica e al mondo del lavoro. Ed è proprio nel mondo del lavoro che, da ormai troppo tempo e sotto diversi profili, si registra una profonda disparità tra uomini e donne. Il profilo discriminatorio più rilevante, anche perché palese e

Se la prima emergenza a cui dare risposta in questo momento resta quella dei civili ucraini in fuga di fronte ai carri armati di Putin, la guerra in Ucraina scatena nel nostro Paese una nuova impennata del prezzo dell’energia che qui in Italia avrá effetti devastanti per famiglie e lavoratori, già colpiti nell’ultimo mese da un aumento drastico delle bollette che grava sui salari fra i più bassi d’Europa. Di fronte a questo scenario, da più parti dentro e fuori il governo si tornano

L’Europa si sveglia con una nuova guerra nel suo cuore, nell’Ucraina divenuta terreno dello scontro fra potenze rivali. A pagare il prezzo più alto sarà, come sempre, la popolazione civile, in quello che si profila già come un disastro umanitario di proporzioni drammatiche. Il contesto è complesso e non privo di pesanti responsabilità dei Paesi occidentali e della NATO, ma l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia di Putin è un crimine da condannare senza appello. Davanti alle bombe non c'è spazio per i "se" e

Al termine del secondo anno di pandemia dovrebbe essere chiaro a chiunque quanto servirebbe un sistema sanitario attento alla salute mentale delle persone. Servirebbe istituire ovunque lo psicologo di base perché prendersi cura di se stessi non può essere un lusso e un privilegio per pochi. Invece, l’esclusione del bonus psicologo dall’ultima legge di bilancio ha provocato tante reazioni nel mondo della politica. Ovviamente la soluzione non sarebbero i bonus, ma in un Paese in cui ci sono bonus per qualunque cosa, dal monopattino alle zanzariere,

Nelle scorse settimane il dibattito pubblico italiano è stato monopolizzato non solo dalla quarta ondata della pandemia, ma anche dall’ormai vicina elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Nel suo ultimo discorso di fine anno Sergio Mattarella si è congedato indicando, secondo molti, alcune caratteristiche che sarebbe opportuno individuare nel nuovo Capo dello Stato. Tra queste, la capacità di essere “super partes”, nonché di coltivare la coesione sociale e istituzionale del Paese assumendo la Costituzione a stella polare del proprio operato. Non possiamo che essere